Anche oggi un esercizio sui tempi verbali: il passato è prossimo (/remoto) o imperfetto?

Per l’esercizio sul passato di oggi vi proponiamo un brano del grande scrittore italiano Gianni Rodari tratto da “Filastrocche in cielo e in terra”.

Gianni Rodari è nato in provincia di Novara il 23 ottobre del 1920. E’ stato scrittore, pedagogista, giornalista e poeta italiano, specializzato in letteratura per l’infanzia e tradotto in molte lingue.

Esercizio: sostituire agli infiniti un verbo al passato prossimo (o remoto) o un imperfetto.

Esercizio sul passato da Il libro degli errori di Gianni Rodari

Marco e Mirko non hanno alcun rispetto per i verbi, nemmeno per quelli più vecchi, quelli con i capelli bianchi che camminano con il bastone.

Stamattina i due insolenti monelli (dovere) 1.__________ coniugare, per compito, certi verbi formando con essi delle frasi, ovvero pensierini.

Graziosi pensieri davvero!

Io mangio il gelato- tu bevi l’aranciata – egli paga il conto, perché è il più tonto.

Insistendo nella loro bravata, essi (scrivere) 2.__________ poi:

Io vado a Torino – tu vai a Torino – egli va a Torino – noi andiamo a Torino – voi andate al diavolo – e starete al caldino.

Il diavolo, a questo punto, (sentirsi) 3. __________ fischiare le orecchie. (Esserci) 4. __________ un botto, un gran puzzo di zolfo, e il diavolo (essere) 5.__________ lì sulla poltrona e (agitare) 6.__________ la forca gridando:

  • Dove sono quelli che devono andare al diavolo?

Marco, per la paura (stare) 7._________ già per svenire. Mirco, più pronto a dire bugie, (correre) 8.__________ alla finestra e, indicando un punto impreciso verso la piazza, (esclamare) 9. ____________:

  • Là, guardi, Eccellenza, (loro-scappare) 10.___________ da quella parte!

Per fortuna il diavolo ci (cascare) 11._______________ e (precipitarsi) 12.____________ in piazza dove (lui volere) 13.____________ per forza portare via il farmacista, il Dottor Panelli, che (stare) 14. __________ sulla soglia del suo negozio a prendere il fresco. La Signora Panelli, però (salvare) 15.___________ il marito, mostrando al diavolo una raccomandazione firmata da un pezzo grosso.

Le risposte esatte le trovi nel commento sotto.

Ricordati di fare almeno un esercizio al giorno, tutti i giorni:

Un pensiero su “Esercizio sul passato con Gianni Rodari. B2.”
  1. Soluzioni:
    Marco e Mirco non hanno alcun rispetto per i verbi, nemmeno per i più vecchi, quelli con i capelli bianchi che camminano col bastone.
    I due insolenti monelli ieri dovevano coniugare, per compito, certi verbi, formando con essi delle frasi, ovvero pensierini.
    Graziosi pensierini davvero!
    Ecco un esempio dei loro esercizi:
    “Io mangio il gelato,
    tu bevi l’aranciata,
    egli paga il conto
    perché è il più tonto”.
    Insistendo nella loro bravata, essi hanno scritto poi:
    “Io vado a Torino,
    tu vai a Torino,
    egli va a Torino,
    noi andiamo a Torino
    voi andate al diavolo
    e starete al caldino”.
    Il diavolo, a questo punto, si è sentito fischiare le orecchie. C’è stato un botto, un gran puzzo di zolfo, e il diavolo era lì sulla poltrona, e agitava la forca gridando:
    – Dove sono quelli che devono andare al diavolo?
    Marco, per la paura, stava già per svenire. Mirco, più pronto a dire bugie, è corso alla finestra e, indicando un punto impreciso verso la piazza, ha esclamato:
    – Là, guardi, Eccellenza, sono scappati da quella parte!
    Per fortuna il diavolo c’è cascato e si è precipitato in piazza, dove voleva per forza portar via il farmacista, dottor Panelli, che stava sulla soglia del suo negozio a prendere il fresco. La signora Panelli però ha salvato il marito, mostrando al diavolo una raccomandazione firmata da un pezzo grosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *