L’italiano si impara anche attraverso il cinema.

Marello Mastroianni, per parlare di cinema.
marcello Mastroianni

Il cinema italiano (Livello B2)

Cerchiamo sempre di ritagliare delle ore in cui parlare del cinema italiano in classe. Avvicina gli studenti ad una cultura, a volte, vicina alla loro, altre volte, troppo lontana ma è sempre emozionante e coinvolgente. Oggi cerchiamo di descrivere il grande Marcello Mastroianni.

Parlare di attori e attrici, di registi e sceneggiatori, guardare qualche video insieme, diventa anche l’occasione ideale per permettere loro di lasciarsi andare un po’ di più. L’arte non solo ammette errori ma li rende poetici.

Leggi e completa il testo inserendo i verbi che mancano e declinandoli al tempo giusto.

Marcello Vincenzo Domenico Mastroianni nacque nel 1924 a Fontana Liri in provincia di Frosinone, un posto che in quel periodo era straordinariamente bello. Suo padre 1. ______ un antifascista, di umili origini ma in cerca di un riscatto; nel 1929 si trasferì a Torino dove Marcello frequentò le scuole elementari. Qualche anno più tardi la famiglia tornò a Roma e il ragazzo, grazie alle conoscenze di uno zio, si trovò a partecipare a una ripresa cinematografica. Si divertì molto: “ci 2. ______ un sacco di uva da mangiare”. Ma scoppiò la seconda guerra mondiale e tutto si fermò. Fu negli anni della prima giovinezza che Mastroianni riscontrò un immediato successo.La sua bellezza, il suo carattere schivo, la capacità di adattamento fecero di lui un vero e proprio manifesto dell’uomo mediterraneo. Il primo a notarlo 3.___ Luchino Visconti.

Cinecittà ebbe la fortuna di incontrare Fellini di cui diventò l’alter ego rappresentando il mondo interiore del grande regista; attraverso Mastroianni, Fellini 4.________ le sue origini e i suoi sogni. La dolce vita diventa la rappresentazione di un mondo di cui Mastroianni è l’icona, il portavoce. Raffinato ma vicino alla sensibilità popolare, con gesti che rimandano a una cultura tradizionale ma vuole arrivare a trascenderla. La sensibilità e l’intelligenza di Fellini che si esprimono attraverso il corpo di un attore perfetto ai suoi ruoli.

Mastroianni alter ego di Federico Fellini
Federico Fellini e Marcello Mastroianni

Il Time l’ha definito l’italiano per antonomasia, per eccellenza, e infatti 5._______ l’attore italiano più famoso all’estero. Latin lover (definizione che lui detestava), gentile, elegante, riservato, complesso, ha vissuto tante storie d’amore con le attrici più famose del tempo. Si era sposato in giovane età con Flora Carabella che, nonostante la separazione, rimarrà punto di riferimento nella sua vita. Una figlia con lei e un’alta con Catherine Deneuve, con la quale 6.______ una storia d’amore durata 5 anni.

Ha girato tantissimi film, dando vita a personaggi diversissimi tra loro e molti rimasti indimenticabili.

Manichino elegante, uomo perdente, imbranato, innamorato perso, criminale tragicomico, Marcello Mastroianni ha indossato i panni di centinaia di uomini. Indimenticabile in Divorzio all’italiana di Pietro Germi dove decide di uccidere la moglie (in quegli anni non era possibile divorziare in Italia) per potersi fidanzare con l’amante che poi lo tradirà con un uomo più giovane. 7._____ un cinema che non si limitava a raccontare tematiche sociali ma in qualche modo ne faceva parte, i film erano denuncia e attiva partecipazione.

Con Vittorio de Sica 8.____________ molti film insieme a Sophia Loren. Tra essi il meraviglioso Matrimonio all’italiana  ispirato alla bellissima commedia di Edoardo De Filippo: Filumena Marturano. Mastroianni non faceva nessuno sforzo nell’interpretare accenti di dialetti diversi; 9._______ dal siciliano al napoletano senza nessun problema.

Terminiamo questo breve ricordo citando un altro film eterno, Una giornata particolare di Ettore Scola che 10._________ l’incontro di un omosessuale e una casalinga con sei figli, nel 1938, nel giorno in cui Hitler incontra Mussolini. I due provano qualcosa di “particolare” e nasce un amore che non avrà un seguito: è solo un controcanto al potere, l’opposizione alla dittatura è espressa dalla straordinaria sensibilità di questi due personaggi.

Marcello Mastroianni è morto a Parigi il 19 dicembre 1996.

Guarda il video e poi rispondi alle domande:

  • Cosa espone la mostra?
  • Qual è stato il suo primo ruolo?
  • Come definiva Cinecittà?
  • Qual è il suo primo ruolo importante?
  • Cosa fa per tutti gli anni ’50?
  • Quale film gli dà la consacrazione?
  • Come si chiama la regista che gli è stata accanto per 22 anni?
  • Quanti film ha girato con la Loren?

Leggi anche:

Sophia Loren

Anna Magnani

Vittorio De Sica