Essere ottimisti conviene (Italian Level B1).

Tali Sharot is not a life coach, she is a scientist who demostrated, with an original cognitive research, ways the biological basis for optimism.

In her fascinating exploration, she takes an in-depth, clarifying look at how the brain generates hope and what happens when it fails; how the brains of optimists and pessimists differ; why we are terrible at predicting what will make us happy; how anticipation and dread affect us; and how our optimistic illusions affect our financial, professional, and emotional decisions. With its cutting-edge science and its wide-ranging and accessible narrative, The Optimism Bias provides us with startling new insight into how the workings of the brain create our hopes and dreams.

In italiano

Attività 1. Guarda l’immagine qui sopra, descrivila e commentala.

Attività 2. Quale parole associ a ottimismo e pessimismo?

Tu sei ottimista o pessimista?

Secondo te è meglio essere ottimisti o pessimisti?

Attività 3. Parla di te.

-Sei bravo nello sport?

-Come andavi in matematica quando eri piccola/o?

-Sai cantare?

-Che carattere hai?

-Fai facilmente amicizia o hai bisogno di tempo prima di dare confidenza ad una persona?

Attività 4.Prova a dare una definizione:

-Estroverso/a= persona che…………

-Allegro/a= persona che……………

-Timido/a= persona che……………..

-Riservato/a= persona che……………

-Simpatico/a= persona che……………………

Attività 5. Scegli un sinonimo  o un contrario per ognuno dei seguenti aggettivi:

1. simpatico

 
 
 

2. socievole

 
 
 

3. curioso

 
 
 

4. pensieroso

 
 
 

5. affidabile

 
 
 

Attività 6. Leggi il testo.

Una neuroscienziata israeliana, ricercatrice all’University College di 
Londra, Tali Sharot, ha pubblicato “Ottimisti di natura” dove  scrive : «Per definizione, gli ottimisti sono persone che hanno aspettative positive per il futuro. Poiché si aspettano di cavarsela meglio e di essere più sani, 
hanno meno ragioni per preoccuparsi e disperarsi, sono meno ansiosi e si adattano meglio a fattori di stress. Di conseguenza, guadagnano anche di più. Il livello di ottimismo di una persona al primo anno degli studi di 
giurisprudenza ha permesso di predire il suo reddito un decennio più 
tardi: un piccolo punto in più sulla scala dell’ottimismo valeva 33 mila dollari di più all’anno».

Tali Sharot non è uno dei tanti life coach ma un’autorevole scienziata. Ogni affermazione della Sharot si basa su esperimenti scientifici e psicologici e sulla verifica di ciò che avviene fisicamente nel nostro cervello, quando siamo o immaginiamo di essere ottimisti. La sua tesi è affascinante e tremenda insieme: gli esseri umani sono naturalmente portati a essere ottimisti perché così conviene. È solo grazie al fatto che siamo biologicamente costruiti per vedere il mondo con positività che il nostro mondo e le nostre vite possono diventare belle e felici. Il libro di Tali Sharot ha avuto un grande successo all’estero, le sue tesi hanno fatto discutere «Time», «New Scientist», «Wall Street Journal», «Newsweek», «Washington Post», Bbc… Sembra la lettura adatta per affrontare la crisi mondiale.

Nel libro fa l’esempio di PatRiley, l’allenatore di basket dei Los Angeles Lakers che, dopo aver vinto l’Nba nel 1987, ha avuto l’ottimismo e l’intelligenza di annunciare, un secondo dopo la vittoria, che la sua squadra avrebbe senz’altro vinto anche l’anno successivo (nella storia dell’Nba è un evento decisamente raro) innescando in questo modo un circolo virtuoso di motivazioni, impegno e fiducia che effettivamente ha poi portato al raggiungimento dell’obiettivo. «Di tutti i trucchi psicologici che Pat ha tirato fuori dal cappello, questo è stato il migliore», disse all’epoca il grande Magic Johnson offrendo l’occasione a Tali Sharot di illustrare la sua tesi secondo la quale l’ottimismo è spesso una profezia che si auto-avvera. Una strategia della natura che, per convincerci a essere ottimisti, ci riempie di messaggi positivi per un obiettivo che può terrorizzare per la sua ambizione: la sopravvivenza della specie.

In pratica l’ottimismo è l’arma che l’evoluzione ci ha dato per migliorare anche quando le cose non vanno bene. È grazie all’ottimismo che si possono trovare le risorse per affrontare i fallimenti, solo sperando di superare una crisi si può avere la voglia di individuare le soluzioni per farcela. Passato un po’ di tempo dalla morte della moglie, lo scrittore C. S. Lewis annotava incredulo sul suo diario fino a quel momento pieno di riflessioni dolorose: «Non posso negare che in un certo senso “mi sento meglio”»; era la risposta biologica alla sua sofferenza. Le leggi della natura ci condannano all’ottimismo.

(tratto da http://www.corriere.it/cultura/12)

Attività 7. Riguardando il testo. Completa con parole tue:

  1. Gli ottimisti sono persone che hanno grandi aspettative per il futuro, per questo__________________
  2. Ogni affermazione della Sharot si basa su_____________________________________________
  3. PatRiley ha avuto l’ottimismo di _____________________________________________________
  4. Grazie all’ottimismo si possono trovare________________________________________________

Leggi anche:

I sacri monti

Rispondi