Pasquetta e i nomi alterati (Italian Level B2).

In Italy, Easter Monday is known as La Pasquetta, which is literally translated as Little Easter. After the solemn and reflective Easter season (Pasqua), it’s an informal community tradition, enjoyed outdoors with family and friends.

As we can see with Pasquetta, Italian nouns can be modified to express a particular quality (large, small, pretty, ugly). We can create these nouns by taking the root of the noun and adding a suffix such as –ino, –one, –etto, or –accio. Italian nouns formed this way are called i nomi alterati (altered, or modified, nouns). Italian grammarians refer to this type of suffix modification as alterazione(alteration).

These nouns can be:

diminutivi (diminutives), accrescitivi (augmentatives), vezzeggiativi (pet names or terms of endearment), and peggiorativior dispregiativi(pejoratives or derogatory terms). Most common Italian nouns can be modified, but keep in mind that the gender and number of the suffix must agree with the noun.

In italiano

Circa 14 milioni di italiani si sono messi in viaggio nelle festività pasquali. Il 65% degli italiani ha organizzato a casa il tradizionale pranzo di Pasqua con una spesa media di quasi 70 euro a famiglia. In calo del 5-15% i consumi di uova di cioccolata e colombe. Per il lunedì dell’Angelo, Pasquetta, la maggior parte si prepara alla consueta gita fuori porta che in molti allungheranno di qualche giorno. Le regioni più visitate saranno Liguria e Toscana, per le città Napoli, Trieste e Matera, capitale europea della cultura 2019.

Grammatica

Pasquetta è un nome alterato, un diminutivo, significa “Pasqua piccola”

Per fare un nome alterato noi prendiamo la radice del nome e aggiungiamo una parte che si chiama suffisso. Il suffisso è la parte di un nome che si posiziona dopo la radice.

 

I suffissi –ino/a -etto/a vogliono dire piccolo.

I nomi alterati che hanno i suffissi –ino/a –etto/a si chiamano diminutivi.

tazza-tazzina, minestra-minestrina, bacio – bacetto, camera cameretta

Esercizio 1: Leggi i nomi scritti a sinistra e a destra scrivi i diminutivi:

strada-a ———————————–

cas-a ———————————–

lett-o ———————————–

tavol-o ———————————–

pied-e ———————————-

bracci-o ———————–

Valore diminutivo lo hanno anche gli alterati con la desinenza in:

ello

albero – alberello, asino – asinello, paese – paesello, povero – poverello.

uccio

avvocato – avvocatuccio, casa – casuccia, cavallo – cavalluccio.

ucolo (con valore peggiorativo)

donna – donnucola, mestro – mestrucolo, poeta – poetucolo.

otto

ragazzo – ragazzotto, giovane – giovanotto, basso – bassotto

acchiotto (con valore vezzeggiativo)

lupo – lupacchiotto, orso – orsacchiotto, furbo – furbacchiotto

iciattolo (con valore diminutivo-peggiorativo)

fiume –fiumiciattolo, mostro – mostriciattolo, libro – libriciattolo

I nomi alterati accrescitivi normalmente terminano in:

one

libro – librone, ragazzo – ragazzone, goloso – golosone

accio (con valore peggiorativo)

coltello – coltellaccio, ragazzo – ragazzaccio, libro – libraccio

Si può avere anche il cumulo di suffissi:

uomo – omaccio – omaccione

I valori di positività e negatività non si escludono l’un l’altro. Donnetta si può riferire a una donna debole come omiciattolo a un uomo meschino. Eppure Pasquetta non ha niente di negativo e casetta si può riferire anche solamente alle dimensioni. I nomi alterati si distinguono quindi nelle due principali categorie di diminutivi e accrescitivi a cui si aggiungono casi in cui si ha la prevalenza di un valore di “simpatia” (vezzeggiativi) e casi in cui prevale un valore di “disprezzo” (peggiorativi).

Esercizio 2: Definisci con un nome alterato:

una brutta giornata →   giornataccia

un cappello vecchio →

una piccola strada →

un uomo molto basso →

il viso di un bambino →

una casa molto grande →

un albero appena nato →

un piccolo bacio –

una febbre molto alta –

Leggi anche:

La barriera corallina italiana

Il caffè sospeso