Dante e il passato remoto. Uso e forma. (Italian level B2).

L’uso e la coniugazione del passato remoto in italiano.

Il passato remoto è un tempo verbale dell’indicativo che si usa per indicare un fatto avvenuto nel passato, concluso e senza legami di nessun tipo con il presente; la lontananza è di carattere sia cronologico, sia psicologico.

Nell’uso comune può corrispondere a un distacco emotivo rispetto all’evento raccontato, mentre nello scritto letterario l’uso del passato remoto, rispetto al passato prossimo, risponde a una scelta stilistica.

La coniugazione può essere regolare, sostituendo le desinenze dell’infinito (amare/amairicevere/riceveipartire/partii) o prevedere dei casi alternativi, conferendo ad alcuni verbi delle forme doppie (ricevere = ricevei/ricevetti).

Sappiamo che le voci verbali della prima e della terza coniugazione sono in genere regolari, mentre sono irregolari quelle appartenenti alla seconda coniugazione.

Ricordiamo, per esempio, il fenomeno che vede raddoppiare la consonante finale della radice di alcune particolari voci verbali (volere/vollisapere/sappibere/bevvirompere/ruppicadere/caddi, ecc.).

Ma vediamo intanto la coniugazione regolare.

PARLARETEMERESENTIRE
 io parlai temei / temettesentii
 tu parlasti temesti sentisti
 lui/lei parlò temè / temette sentì
 noi parlammo tememmo sentimmo
 voi parlaste temeste sentiste
 loro parlarono temerono / temettero sentirono

Il verbo essere e il verbo avere sono irregolari

essereavere
io fuiio ebbi
tu fostitu avesti
lei/lui fulei/lui ebbe
noi fummonoi avemmo
voi fostevoi aveste
loro furonoloro ebbero

Alcuni verbi irregolari molto usati

cresceremetterenascere
io crebbiio misiio nacqui
tu crescestitu mettestitu nascesti
lei/lui crebbelei/lui miselei/lui nacque
noi crescemmonoi mettemmonoi nascemmo
voi crescestevoi mettestevoi nasceste
loro crebberoloro metterenoloro nacquero
prenderevenirevivere
io presiio venniio vissi
tu prendestitu venistitu vivesti
lei/lui preselei/lui vennelei/lui visse
noi prendemmonoi venimmonoi vivemmo
voi prendestevoi venistevoi viveste
loro preseroloro venneroloro vissero

Quelli qui sopra sono solo alcuni dei verbi irregolari al passato remoto.

Un’altra breve lista ve la proponiamo qui sotto:

accendere: io accesi- tu accendesti – l/l accese – noi accendemmo – voi accendeste – loro accesero.

bere: io bevvi – tu bevesti – l/l bevve – noi bevemmo – voi beveste – loro bevvero.

cuocere: io cossi – tu cuocesti – l/l cosse – noi cuocemmo – voi cuoceste – loro cossero.

decidere: io decisi – tu decidesti – l/l decise – noi decidemmo – voi decideste – loro decisero.

dire: io dissi – tu dicesti – l/l disse – noi dicemmo – voi diceste – loro dissero.

fare: io feci – tu facesti – l/l fece – noi facemmo – voi faceste – loro fecero.

leggere: io lessi – tu leggesti – l/l lesse – noi leggemmo – voi leggeste – loro lessero.

sapere: io seppi – tu sapesti – l/l seppe – noi sapemmo – voi sapeste – loro seppero.

scrivere: io scrissi – tu scrivesti – l/l scrisse – noi scrivemmo – voi scriveste – loro scrissero.

volere: io volli – tu volesti – l/l volle – noi volemmo – voi voleste – loro vollero.

Il passato remoto si usa molto per parlare della vita di persone che non ci sono più, per raccontare la storia. Ecco qui una breve lettura da cui puoi capire bene perché questo tempo verbale, poco usato nel linguaggio parlato, sia invece molto presente nei testi scritti: libri, articoli di giornali, fiabe ecc…

La vita di Dante

Dante Alighieri nacque il 29 maggio 1265 a Firenze da una famiglia della piccola nobiltà. Quando morì sua madre Gabriella, la «madre bella», Dante aveva circa dieci anni. Ad appena 17 anni, nel 1283, quando anche suo padre Alighiero morì, Dante divenne il capofamiglia.

Il giovane Alighieri seguì gli insegnamenti filosofici e teologici delle scuole francescana (Santa Croce) e domenicana (Santa Maria Novella). In questo periodo strinse amicizie importanti e iniziò una corrispondenza con i giovani poeti che si facevano chiamare stilnovisti.

Secondo quanto racconta nella “Vita Nuovavide per la prima volta Beatrice (Bice di Folco Portinari) nel 1274 e si innamorò subito e perdutamente.

Nel 1285 anni sposò Gemma Di Manetto Donati, appartenente a un ramo secondario di una grande famiglia nobile, dalla quale ebbe quattro figli, Jacopo, Pietro, Giovanni e Antonia.

Quando a Firenze la lotta tra Guelfi Bianchi e Guelfi Neri si fece più aspra, Dante si schierò col partito dei Bianchi che cercava di difendere l’indipendenza della città opponendosi alle tendenze egemoniche di Papa Bonifacio VIII.

Nel 1300, Dante lasciò Firenze con la coscienza di essere stato beffato da Bonifacio VIII, che fu sempre suo feroce avversario e per questo ebbe un posto di rilievo nei gironi dell’Inferno della Divina Commedia.

Booking.com

A partire dal 1304, iniziò il lungo esilio, nel corso del quale venne sempre accolto con favore: Verona, Lucca, forse anche Parigi.

Nel 1319 fu a Ravenna da Guido Novello da Polenta, Signore della città che, due anni più tardi, lo inviò a Venezia come ambasciatore. Rientrando da questa ambasciata, Dante venne colpito da un attacco di malaria e morì a Ravenna a 56 anni nella notte tra il 23 e 24 settembre 1321, dove si trova la sua tomba.

Domande di comprensione:

Quando Dante si innamorò di Beatrice?

In che periodo strinse amicizia con i poeti dello stilnovo?

Quanti figli ebbe?

Con quale partito si schierò?

Quando iniziò il suo esilio?

Come morì?

Grammatica:

  1. Scrivi l’infinito dei verbi al passato remoto (quelli in grassetto).

nacque – nascere

Corso d’italiano per stranieri

Leggi anche:

La leggenda dell’innamorata

La cicala e la formica

Un commento

Rispondi