La favola di “Nuovo cinema Paradiso”. Video, lettura e esercizio sul passato remoto.

Nuovo Cinema Paradiso è un film del 1988, scritto e diretto da Giuseppe Tornatore.

Il film si è aggiudicato il premio della critica al Festival di Cannes del 1989, ovvero, il Grand Prix Special della Giuria. Ha vinto, inoltre, l‘Oscar come miglior film straniero.

Il film è ambientato nel secondo dopoguerra in un piccolo paese della Sicilia: Giancaldo. Qui, il cinema è l’unico svago possibile consentito e tutti i cittadini si riuniscono nella piazza del paese per sognare davanti alle immagini proiettate nella sala della chiesa.

Totò è un bambino povero che vive insieme alla madre e alla sorella in attesa che il padre disperso torni dalla Russia.

Il bambino è chierichetto di Don Adelfio, parroco e gestore della sala “Cinema Paradiso” e che, per rispondere al suo compito morale, elimina tutte le scene da lui ritenute più scabrose e sconvenienti, persino i baci. Ogni sera il bambino si reca nella sala di proiezione con la speranza di riuscire a sbirciare qualche scena prima della censura.

Sarà proprio in questa sala che si instaurerà la forte amicizia tra il bambino e il proiezionista del cinema, Alfredo.

Una sera, però, a causa di un incendio divampato durante la proiezione di un film, Alfredo perderà la vista, e la sala cinematografica subirà forti danni.

Sarà grazie al ricco Spaccafico che la sala vedrà nuovamente la luce, con il nome di Nuovo Cinema Paradiso, a segnare l’inizio di una nuova era. Totò si innamora di Elena, ma la loro storia è contrastata dalla famiglia della ragazza.

Dopo la chiamata alle armi, Salvatore non tornerà più in Sicilia. Deciderà, invece, di dedicarsi al mestiere di regista che lo porterà poi alla fama.

Nel film, a un certo punto, Alfredo racconta una favola a Totò. Guarda il video e dopo prova a riassumere la storia della Principessa e il soldato.

Adesso leggi la storia del soldato e della principessa e completa il testo.

 “…Una volta un Re fece una festa e c’erano le principesse più belle del 1.______. Ma un soldato che faceva la guardia vide passare la 2.______ del Re. Era la più bella di tutte e se ne innamorò subito. Ma che poteva fare un 3._______ soldato a paragone colla figlia del Re?

Ma, finalmente un giorno riuscì a incontrarla e le disse che non poteva più vivere 4.________ di lei. E la principessa fu così impressionata del suo forte sentimento che disse al soldato: “Se saprai 5._______ cento giorni e cento notti sotto il mio balcone, allafine, io sarò tua.”

Ma, subito il soldato se ne andò là e aspettò un giorno, due giorni e dieci e 6._____ venti. E ogni sera la principessa controllava dalla finestra ma quello non si muoveva mai. Con la pioggia, con il vento, con la 7._____ era sempre là. Gli uccelli gli cacavano in 8._______ e le api se lo mangiavano vivo ma lui non si muoveva.

Dopo novanta notti era diventato tutto 9.________, bianco e gli scendevano le lacrime dagli occhi e non poteva trattenerle poiché non aveva più la 10.________ manco per dormire… mentre la principessa sempre lo guardava.

E arrivati alla novantanovesima notte il soldato si alzò, si prese la sedia e se ne andò via”.

Qual è il senso della storia secondo te?

Esercizio:

Scrivi il contrario delle seguenti parole:

paradiso  
ottimo  
pieno  
vittoria  
amichevole  
logico  
speranzoso  
fertile  

Scrivi una frase per ciascuna delle seguenti parole:

paradiso

favola

focolare

Questi sono alcuni tra i verbi al passato remoto più usati, scrivi accanto a ciascuno di essi l’infinito che gli corrisponde come nell’esempio:

fu- essere

fece

disse

tornò

comprò

aggiunse

rispose

mosse

dimostrò

scrisse

compì

Esercizio: Passato remoto, esercizi

1. Completa le seguenti frasi usando i verbi elencati sotto.

scoppiò • scrisse • fu • morirono• scoprì • dipinse

  1. Leopardi . . . . . . . . . . . . . . . . . .La ginestra nel 1836.

2. La seconda guerra mondiale . . . . . . . . . .nel 1939.

3. Nel 1492 Cristoforo Colombo . . . . . . . . .l’America.

4. Garibaldi . . . . . . . . un eroe del Risorgimento.

5. Migliaia di persone . . . . . . . . . . . . .a Hiroshima per la bomba atomica.

6. Leonardo da Vinci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .la Gioconda.

join.booking.com

Leggi anche:

Dante il passato remoto

La leggenda dell’innamorata

Walter Bonatti: un sognatore coi piedi per terra

Rispondi