Come si viaggiava nel ‘700? (A2)

Come si viaggiava nel ‘700? Una lettura per ripassare l’uso dell’imperfetto e due esercizi sull’uso dei verbi modali al passato.

Vediamo come sono cambiate le abitudini e le condizioni nel tempo. Quando parliamo di fatti avvenuti nel passato che erano abituali, e si ripetevano spesso, usiamo il tempo verbale dell’imperfetto.

Per ripassare questo tempo ti proponiamo oggi una lettura da completare. E’ sempre interessante confrontare le nostre abitudini con quelle passate; il mondo cambia velocemente.

Cosa sai del ‘700? Come era la vita allora? Chi erano le persone che viaggiavano di più?

Dopo aver provato a rispondere a queste domande leggi il testo coniugando all’imperfetto i verbi tra parentesi.

Leggi e declina i verbi tra parentesi all’imperfetto

Come si viaggiava nel Settecento?

Nel settecento il “turismo” come lo conosciamo oggi non (esistere) 1. | esisteva|. Viaggiare era pericoloso perché i ladri (essere) 2. |    | sempre presenti nelle strade. Inoltre le carrozze facilmente (rompersi) 3. |    | per il cattivo stato delle strade. Per i viaggi all’estero c’era un altro problema: la lingua.

Poche persone (sapere) 4. |    | parlare una lingua straniera. Inoltre i viaggi erano lenti e lunghi e solo i più ricchi avevano i soldi per partire. Infatti solo una piccola minoranza di persone (viaggiare) 5. |    |: c’erano i commercianti che lo (fare) 6. |    | per necessità, poi i pellegrini che (andare) 7. |    | a Roma a vedere il Papa e infine gli scrittori, i pittori e gli architetti che (volere) 8. |    | imparare presso maestri stranieri o (cercare) 9. |    | ispirazioni artistiche.

Il piccolo Mozart, per esempio, (andare) 10. |    | in giro per l’Europa (anche per l’Italia) per farsi conoscere.

Come si viaggiava nel '700?
Photo by Rene Asmussen on Pexels.com

Domande di comprensione:

  1. Come si viaggiava nel ‘700?
  2. Quali erano i pericoli più comuni?
  3. Chi viaggiava a quei tempi?
  4. Perché?

Prima non si poteva partire facilmente.

Ieri non sono potuta partire in tempo.

Adesso vediamo l’uso dei verbi modali al passato prossimo.

Ricorda che i verbi modali (dovere, potere, volere) quando sono al passato prendono l’ausiliare del verbo che li segue. Per esempio: Devo mangiare tutto per non offendere mia suocera diventa Ho dovuto mangiare tutto... perché mangiare vuole l’ausiliare avere. Devo uscire prima diventa Sono dovuto uscire prima perché uscire vuole l’ausiliare essere.

Esercizi con i verbi modali al passato

Completare le frasi con il passato prossimo dell’indicativo del verbo  potere (come nell’esempio).

Alla sagra Paola non ….ha potuto…………. mangiare le pesche. È allergica.

A scuola noi bambini non  …………………….. giocare in giardino.

Ieri sera Giacomo non  ……………………..  mangiare la torta perché aveva mal di stomaco.

Mi dispiace se alla tua festa di sabato scorso io e Maria non  ……………………… venire

Mi spiace, io ieri non ………………………   venire con voi perché  ho dovuto finire un lavoro

La scorsa estate Franco e Michael non  ………………………andare al mare neanche un giorno.

Carlo non  è voluto venire al concerto perché non gli piace la musica. Noi non  ……………………… convincerlo?

Tu  ………………………  venire alla festa ieri sera? Come mai?

Non  ………………………  venire, perché stamani avevo un colloquio e ho dovuto svegliarmi presto.

Completa con il verbo al passato come nell’esempio

a- Non (io- potere)..sono potuta…….venire con te al cinema perché (dovere) …ho dovuto…studiare.

b- Paolo, (dovere)…………………………..trovare un passaggio per il centro?

c- I ragazzi non (potere) ………………………………rimanere a cena perché (dovere)………………………tornare a casa presto.

d- (Noi – volere) ………………………………..andare al cinema ieri sera.

e- Non (voi – potere) …………………………..mangiare tanto dolce perché (dovere) …………………..fare una dieta.

Corso d’italiano per stranieri

Leggi anche:

Passato prossimo e imperfetto

Verbi irregolari al passato prossimo

Rispondi