Il periodo ipotetico in italiano esprime un’ipotesi e la sua conseguenza.

Un’ipotesi si può esprimere in diversi modi a secondo che sia reale, possibile o impossibile. Per questo ci sono 3 tipi di periodi ipotetici: il primo è quello delle realtà, il secondo è quello della possibilità e il terzo è il periodo ipotetico impossibile perché lo usiamo per fare ipotesi su qualcosa che è già passato e quindi non si può cambiare.

Il periodo ipotetico di 1° tipo

Esprime un’ipotesi reale, che ha una determinata conseguenza.

Questo periodo si può formare in 3 modi.

1) PRESENTE INDICATIVO + PRESENTE INDICATIVO

Esempio:

Se mangi troppa pizza, ingrassi.

2) PRESENTE INDICATIVO + FUTURO INDICATIVO

Esempio:

Se domani piove, non uscirò.

3) FUTURO INDICATIVO + FUTURO INDICATIVO

Esempio:

Se passerò l’esame, inizierò subito a scrivere la tesi.

Il periodo ipotetico di 2° tipo

Esprime un’ipotesi possibile, anche se di difficile attuazione:

CONGIUNTIVO IMPERFETTO + CONDIZIONALE PRESENTE

Esempio:

Se vincessi alla lotteria, farei il giro del mondo.

Il periodo ipotetico di 3° tipo

Esprime un’ipotesi impossibile, si parla del passato che non può essere cambiato.

CONGIUNTIVO TRAPASSATO + CONDIZIONALE PASSATO

Esempio:

Se lo avessi saputo prima ti avrei portato un regalo.

Periodo ipotetico misto

Esprime un’ipotesi del passato che non si è verificata; ma, se si fosse verificata, avrebbe avuto una certa conseguenza nel presente.

CONGIUNTIVO TRAPASSATO + CONDIZIONALE PRESENTE

Esempio:

Se avessi finito l’Università, adesso guadagnerei di più.

Il periodo ipotetico del 2° e 3° tipo ci permettono davvero di dire tutto quello che desideriamo.

Leggi questa famosissima poesia, totalmente costruita con il periodo ipotetico del 2° tipo. E’ una poesia di Cecco Angiolieri poeta medievale, vissuto a Siena dal 1260 al 1313.

S’i’ fosse foco, arderei ‘l mondo
S’i’ fosse vento, lo tempesterei
S’i’ fosse acqua, ì’ l’annegherei
S’i’ fosse Dio, mandereil ‘en profondo

S’i’ fosse Papa, sarè allor giocondo
Che tutt’i cristiani imbrigherei
S’i’ fosse ‘mperator, sa che farei?
A tutti mozzerei lo capo a tondo

S’i’ fosse morte, andarei da mio padre
S’i’ fosse vita, fuggirei da lui
Similmente faria da mi’ madreS’i’ fosse Cecco, come sono e fui
Torrei le donne giovani e leggiadre
E vecchie e laide lassarei altrui.

Fabrizio De André, un amatissimo cantautore italiano, nel 1968 su questo testo ha creato una canzone. Guarda il video:

Hai capito il testo?

E’ scritto in italiano medievale quindi abbastanza diverso da quello attuale eppure comprensibile.

È il testo più famoso di Cecco Angiolieri, in cui l’autore sfoga il suo malumore contro il mondo augurandosi di poter seminare distruzione partendo dei genitori, colpevoli di non dargli abbastanza soldi per i suoi vizi.

La parafrasi:

Se fossi fuoco io brucerei il mondo, se fossi fuoco lo tempesterei, se fossi acqua lo annegherei, se fossi Dio lo farei sprofondare.

Se io fossi Papa, sarei contento di mettere i cristiani nei guai; Se fossi imperatore, taglierei la testa a tutti;
Se io fossi morte, andrei da mio padre, se fossi vita scapperei da lui;
e nello stesso modo farei con mia madre.


Se io fossi Cecco, (come in effetti sono e sono sempre stato) prenderei soltanto le donne giovani e belle e le brutte le lascerei agli altri.

Il tono della poesia è leggero e vuole divertire, non è l’espressione di un poeta asociale e “maledetto” come disserro alcuni critici ottocenteschi, sembra piuttosto un “divertissement” letterario in cui il poeta cerca la complicità del lettore e ci riesce.

Esercizio: Per praticare il se fossi, o se lui fosse, c’è un gioco molto carino da fare in gruppo è il “gioco del se fossi”.

Cosa saresti se tu fossi una stagione? Saresti l’estate, la primavera, l’inverno o l’autunno?

Cosa saresti se tu fossi un libro?

Cosa saresti se tu fossi un cibo?

Per giocare insieme si può fare questo gioco anche su un personaggio da indovinare. Prendiamo Luciano Pavarotti per esempio. Se fosse un colore, che colore sarebbe? Se fosse una canzone, se fosse una città, se fosse un cibo?

Booking.com

Leggi anche:

Il periodo ipotetico e il Titalic

Calvino e il periodo ipotetico