Cookie Policy Che tipo di viaggiatore sei? Un test per te. B1. -

Ci sono molti modi diversi di viaggiare. Tu quale preferisci?

La vacanza per te significa relax e divertimento? O preferisci partire e scoprire posti nuovi ed emozionanti? In pratica: che viaggiatore o viaggiatrice sei? Per scoprirlo rispondi alle domande che seguono:

1. Qual è il primo oggetto che metti nella borsa?

 
 
 

2. Qual è la prima cosa che fai quando ti trovi davanti a un luogo magnifico?

 
 
 

3. Dove preferisci alloggiare quando sei in viaggio?

 
 
 

4. Con chi ami fare i tuoi viaggi?

 
 
 

5. Qual è il tuo mezzo di trasporto preferito?

 
 
 

6. Dove sceglieresti di essere in questo momento?

 
 
 

7. In quale città italiana passeresti un mese?

 
 
 

Viaggiare in tempo di pandemia

L’emergenza Covid-19 causa molte limitazioni a tutti i viaggiatori, sia in Italia che all’estero. Sappiamo bene che la situazione è in continua evoluzione quindi quello che leggete in questo articolo è aggiornato alle informazioni che sappiamo alla data di oggi.

Ecco un riassunto per orientarsi nella nostra penisola.

VIAGGI E SPOSTAMENTI IN ITALIA

Nessuna limitazione per i viaggi e gli spostamenti in Italia, visto che al momento (2 agosto) tutte le regioni sono in zona bianca.

Per entrare in Sicilia è obbligatorio il TAMPONE per chi vi arriva da Spagna, Portogallo e Malta o vi abbia soggiornato nei 14 giorni precedenti.

Qualora una regione tornasse in zona gialla, arancione o rossa queste le norme attualmente in vigore:

– È possibile spostarsi liberamente tra regioni in zona gialla.

– Tra regioni in zona rossa o arancione (al momento nessuna regione è in zona rossa o arancione), oltre agli spostamenti normalmente consentiti per motivi di lavoro, salute o necessità, ci si potrà spostare con il “certificato verde” (o green pass).

Il certificato verde consiste nella certificazione del completamento del ciclo di vaccinazione nei sei mesi precedenti rilasciata dalla struttura sanitaria, della guarigione dal coronavirus nei sei mesi precedenti (fa fede il certificato di guarigione), o del risultato negativo di un test molecolare o antigenico, in questo caso valido 48 ore dall’esecuzione.

Saranno considerati validi anche i certificati verdi rilasciati da altri stati membri dell’Unione Europea, mentre quelli di stati terzi saranno validi solo se la vaccinazione effettuata sia riconosciuta dallo stato italiano.

Rispondi